Licia trent’anni dopo

images

Eccoli qui, come annunciato alla fine di maggio, Mediaset extra ripropone tutti i telefilm di Licia e i Bee Hive.

Chi è stato bambino negli anni 80 non può non sapere di cosa sto parlando.

Probabilmente rosica anche, come me, perché la replica del telefilm più amato di una generazione di quasi quarantenni, va in onda alle 9.00 di mattina… orario in cui un normale quasi quarantenne lavora o ha altro da fare.

In ogni caso, esiste il videoregistratore, e poi lo danno anche il sabato (verso le 8.45) quindi ho avuto ed ho modo di poterlo rivedere a distanza di una vita.

A vederlo oggi, dopo aver studiato meglio l’anime da cui è tratto, la storia del manga (che a dirla tutta in Giappone non è che abbia avuto tutto questo successo), il fatto che Licia in realtà si chiamasse Yakko, Mirko-Go, Shiller fosse bisessuale, la bionda che vediamo nella sigla del cartone è in realtà una che spiega il sesso ai giapponesi…insomma, già con la versione animata abbiamo assistito ad un addolcimento importantante dell’opera, oltre al solito vizio di italianizzare tutto.

Avevo sette anni quando Licia, da cartone animato che era, prese le sembianze di una terrificante e mal parruccata Cristina D’Avena, e sempre sette/ otto anni quando costringevo tutta la famiglia ad ascoltare le cassette delle canzoni dei Bee Hive in macchina.

Ricordo benissimo una discussione pregna di significato con mia cugina più grande, perché avevo osato dire che Mirko, Satomi e compagnia doppiata, erano meglio degli Spandau Ballet, cosa di cui sono più o meno convinta anche oggi.

Ma parliamo un attimo di come si è evoluta nel corso del tempo, la percezione di una serie per ragazzi degli anni 80, vista ai giorni d’oggi.

Le assurdità si contano all’infinito, prima di tutto, ed è giusto specificarlo, non siamo in Giappone ma a Milano 2.

O forse a Cologno Monzese…chi sa parli.

  • I Bee Hive di ritorno “dall’America” finiscono a fare “il tour” tra Cervia e una non meglio specificata “montagna”
  • In montagna, i bambini Andrea (vestito in maniera ridicola per tutta la prima stagione), Elisa e Grinta, si perdono nel bosco e il gruppo di adulti comincia a cercarli dopo mezza giornata, più o meno quando si rendono conto che “i bambini non tornano” dalla passeggiata.
  • Marrabbio naturalmente non lascia mai uscire la figlia dal Mambo da sola, ma sticazzi se tre bambini vanno a spasso da soli nel bosco.
  • Si mobilitano invece in trecento, con tanto di ben tre puntate dedicate, alla ricerca del gatto Giuliano scomparso dietro l’angolo.

 

  • imagesIl Mambo nella realtà, avrebbe chiuso dopo due giorni, con tante sberle di Cannavacciuolo sul coppino di Marrabbio. Condizioni igieniche allucinanti, tra padelle, polpette e patate fritte due volte (ricetta light del simpatico titolare) spalmate sul bancone (e un gatto che ci passeggia sopra).

E solo due clienti, nonno Sam e Lauro, che non pagano mai e non segnano nemmeno.

I Bee Hive non hanno nemmeno la libertà di scegliersi un manager.

I Bee Hive sono operai, spesso cazziati dal capo, tutto il giorno chiusi in sala prove a suonare sempre le stesse canzoni, che sono sempre perfette che “sembrano registrate” ma al manager non va mai bene.

Mio dolce amore e Dolce amore mio sono due canzoni distinte.

Adesso li hanno tolti, ma io li ricordo bene i megaspottoni del Buondì Motta che facevano i bambini a scuola, in quella classe formata dai soliti tre dalla voce insopportabile.

Nella prima serie la sartoria ha fatto un lavorone per riprodurre gli oscenissimi outfits dell’anime: magliette di pigiama, gonne a pois, felpine con gattini, zoccoli sopra i calzini bianchi, fazzoletti in testa e palandrane improbabili.  Dalla seconda stagione tutti vestiti “Best company” e chi se ne frega.

In Love me Licia, le canzoni dei Bee Hive sono le stesse di Kiss me Licia, cambiano solo le parole, è da Licia Dolce Licia in poi che verranno prodotti dei veri e propri capolavori.

 

 

imagesimgresI capelli di Mirko, Satomi e del piccolo Andrea, non riescono nemmeno lontanamente a riprodurre le capigliature della serie animata, un plauso invece a tutte le altre parrucche, specie a quella di Marika.

I personaggi aggiuntivi aggiungono una nota di trash degna della storia della tv italiana: Hildegard su tutti, non serviva certo una finta tedesca con finto accento tedesco che però riusciva ad imitare alla perfezione tutte le voci degli altri…eppure all’epoca era affascinante.

I Bee Hive non hanno mai uno scazzo tra loro, mai una rissa per la batteria fuori tempo o una chitarra troppo alta…capisco che è un telefilm da ragazzini, ma sarebbe stato bello vederli litigare tra loro per qualcosa di realistico.

Del resto non gliene fregherà niente quando tre su sei se ne andranno per venire sostituiti da Paul, Jimmy e non mi ricordo chi…mai una volta che Mirko o Satomi rimpiangano Tony o  Matt (Manuel De Peppe dove sei?)

Attualmente è appena iniziata la seconda serie di telefilm, Mediaset extra manderà in onda tutte e quattro le stagioni (Teneramente e Balliamo e cantiamo con Licia) queste ultime non le ho più riviste e le ricordo poco, ma le trame saranno sempre più avvincenti, Mirko e Licia si sposeranno (perché sposarsi è il sogno di tutte le rockstar come Mirko), Licia diventerà cantante,Satomi si alliscerà i capelli e lascerà Marika, appariranno le fettine panate e tutto diventerà incredibilmente stupido e nonsense più di quanto sia già stato all’epoca della prima messa in onda.

Nonostante tutto, in questi giorni, c’è un gran bisogno di leggerezza.

Rivedere quelle parrucche, quei baci a stampo, quelle borse a disegnini cretini, quelle felpe coloratissime, riascoltare quelle canzoni tutte simili, quei dialoghi illuminati, quei doppiaggi ridicoli forse non servirà a niente, ma quanto sarebbe bello tornare all’innocenza di quel periodo.

Vi lascio con la pseudo-reunion dei Bee Hive…

Evviva Licia, evviva la nostra fatina!

 

 

Baci a tutti
Nab :*

Annunci

Un ex genio (sicuri???)

sottotitolo: come un sopravvalutato possa mandare in merda quasi tutto ciò che tocca…

Ciao a tutti,
dopo settimane in cui mi chiedevo come tornare su questi schermi, ecco che un’idea fulminea mi ha attraversato la testa:
che cacchio di fine ha fatto colui che faceva il Fabio Volo…prima di Fabio Volo???
Sto parlando di lui:
ANDREA PEZZI!

Io lo ricordo come uno dei primi Veejay italiani, insieme ad Enrico Silvestrin, capace di imporre le proprie idee e la propria immagine negli ultimi anni 90 italiani.
Pezzi è stato il primo a parlare di cucina (in una rete come MTV che con la cucina ha a che fare come Rocco Siffredi con le disfunzioni erettili, per dire) in un programma, “Kitchen”, che in realtà prendeva spunto da una ricetta per poi sviscerare del nulla con l’ospite di turno, e con la musica in sottofondo di Mao (un altro che, dopo quel programma, è bene o male tornato nell’underground torinese).
Fu poi sua scelta allontanarsi da quel format per, diciamo, pura cupidigia (voleva guadagnare…il salto bisognava farlo!) e Fabio Fazio lo mise al timone di un programma su Raidue che, nelle intenzioni, doveva riprendere il discorso lasciato in sospeso con “Anima mia”.
Il programma si intitolava “Serenate” e andava in onda il venerdì sera. Ospite fisso, Cristina D’Avena. Ora, io amo Cristina e lo si sa…però in quel programma lei non c’entrava nulla, e lui cercava di dimostrare di essere figo, innovativo e ggggiovane, anche quando non occorreva.
Ricordo ospite Morgan, ancora nei Bluvertigo, cantare strafatto (ok, lo so non è una notizia questa…)
Comunque, passato questo semi flop durato quattro puntate, Pezzi rimase in orbita Rai, con programmi di seconda e terza serata, un po’ la stessa cosa appunto di Fabio Volo. Peccato che quest’ultimo, piaccia o no, ma abbia una o anche due marce in più in dialettica, senso del rischio e voglia di mettersi in gioco…
Alzi la mano chi ricorda suoi epici programmi come “2008” e “Il tornasole”…
credo li abbiano guardati forse i suoi parenti e qualche nostalgico di MTV che fu…
Leggo su altri blog che prima del nostro si sono posti la mia stessa domanda, e noto che il signor Pezzi, ritenendosi un genio incompreso dalle tv di tutta Italia, ha fondato una Media Company, la “Ovo”, una casa di produzione, in teoria, di video di grande interesse culturale. Di mezzo nei finanziatori c’è la mano della Fininvest (Berlusca una mano non la nega a nessuno, figurarsi).
Risultato: la “Ovo” fallisce con un debito di 5 milioni di euro (bruscolini!), e sono dieci anni che di riffa o di raffa, di Andrea Pezzi fu genio fu veejay di successo fu innovativo e fu ggggiovane, nessuno sente più parlare e nessuno ne senta la mancanza.
Peccato. Il primo Andrea Pezzi, quello di “Kitchen”, era davvero qualcosa di nuovo. Di interessante. Ha forse fatto passi più lunghi della gamba, chi lo sa. Si sa che adesso, pare faccia coppia fissa con Cristiana Capotondi (almeno uno dei due lavora…di sti tempi…), e che la sua immagine sia diventata questa.

Eppure…possibile che non lo voglia nemmeno Vero TV, a fare compagnia a Columbro, alla Ruta, a Corrado Tedeschi e alla Laurito? Un programma per lui ci sarà sicuramente…
Ci manchi, Andrea.
Forse.
Ma anche no.
Però mi stavi abbastanza simpatico…senza rancore.

Sorridete sempre
D.

E’ arrivata Cristina…

Direttamente dalle sue mani…senza dedica per problemi organizzativi, ma la mia missione si può dire assolutamente compiuta ugualmente…
ecco a voi…la reliquia che andrà di diritto sulla mia scrivania a fianco al francobollo di Mino Reitano…
l’autografo di Sua Maestà di Fivelandia…CRISTINA D’AVENA ^_^

 
e poi, purtroppo non mi carica i video, nè sul tubo nè qui…altrimenti avrei voluto fare un regalo alla mia socia…la sigla di Kiss me Licia e addirittura una versione live di Quando arrivi tu, direttamente dai telefilm…
“Apre gli occhi per noi l’arcobaleno
carezzevole il fiume scorre e va
la rugiada sull’acero si posa
e da bianca, scarlatta diverrà”
 
poesia trash allo stato puro, made in eighties…
 
 
Quello con la faccia da pirla sognante a fianco a Cristina non sono io…ero a un metro di distanza, mi ha fregato il tipo….altrimenti avrei tenuto fede alla mia promessa….;P
comunque, io sono tentato di iscrivermi al fan club, con tanto di raduno a Bologna, ovviamente con lei presente…socia, che ne pensi??? ^_^
 
sorridete sempre
D.
 
 
 
 
 

Cottarelle…e mangiate…

In risposta a quanto affermato dalla mia socia Nabiki, ecco, in breve, una classifichetta (anche se ci tengo a lasciare il copyright del termine a lei, certamente più brava di me in queste cose) delle cottarelle da adolescente “in salsa maschile”…

Iniziamo con colei che, davvero, incarna il sogno erotico nascosto di tutti i bambini e adolescenti degli anni 80 e 90 …

CRISTINA D’AVENA!

Quante volte abbiamo sognato di essere Mirko o uno qualsiasi dei Bee Hive nel telefilm di Licia…(perchè, diciamocelo, lo sanno tutti che si chiudevano in sala prove, e lì, non si facevano prigionieri…ihihihih forse devo smettere con questi pensieri deviati…;P)
Comunque, io l’ho sempre trovata davvero bella…anche adesso che, diciamo, l’adolescenza l’ho sorpassata da qualche anno…

Ma noi siamo cresciuti con il “mito” di Non è la rai…e a me Ambra turbava parecchio i sogni di dodici-tredicenne…

sarà stata quella faccia da schiaffi, o il capello mosso, o che ne so…ma io avevo anche la cartolina con l’autografo (ovviamente stampato) che tenevo gelosamente nel mio diario di scuola…
anche se, effettivamente, dopo qualche anno in cui non se la cacava più nessuno manco di striscio, è tornata in veste attrice…e continua a piacermi, diciamocelo…

Ma la mia preferita, di Non è la rai, era solo e soltanto e clamorosamente, lei….

MARY PATTI!!!!!

Conduceva il gioco del “Come si chiama mia nonna?”…arrivava con la sigla made in Boncompagni “Lei si chiama Maaaaaryy…si chiama Maaaaaaaaaaryyyyy”…e io rimanevo a bocca aperta immaginando le peggio cose avrei potuto fare con quei capelli biondi lunghi…magari raccogliendoli in una coda di cavallo…e…vabbè!!!!! Insomma!!!!!
E dire che a me le bionde fondamentalmente non piacciono per nulla!!!!!
Finito il programma, di lei non si sa più nulla…chissà se la nonna esisteva davvero, e se è ancora viva!!!

E poi…finora sono stato buono e caro, ma…lei, da “Professione Vacanze” a “Fratelli d’Italia” con Jerry Calà, e “Boys boys boys” e “Siamo donne”…dove la mettiamo???
SABRINA SALERNO!

E dire che la trovo molto più sexy adesso che vent’anni fa…ma de gustibus…

e rimanendo in tema cantanti…se per Tracy Spencer ero troppo piccolo (ma Run to me la ricordo eccome…e anche lei…eccola…)

mi ricordo molto bene di due cantanti che, di Festivalbar in Festivalbar, mi stuzzicavano gli ormoni in libera uscita…ovvero
NEJA
e
ALEXIA

Tra l’altro, Neja abita a pochi km da casa mia, l’ho rivista dopo anni a Matricole e Meteore ed è sempre un gran bel vedere (ora è anche mamma da poco, e a me i lineamenti delle neomamme piacciono ancora di più…)…
E Alexia è piccolina, tascabile, e mi fa squisitamente, da sempre, un sesso incredibile…sin dai tempi in cui cantava Think about the Way oppure Uh lalala…
Ultima, ma non ultima, una confessione: in casa mia si guardavano le telenovelas…ed io ero innamorato dell’attrice che faceva Cristal…
JEANNETTE RODRIGUEZ
ecco, per lei sognavo di imparare lo spagnolo e rifugiarmi in Venezuela alla faccia di Carlos Mata e di tutti quelli che la volevano al posto mio… certo che in questa foto assomiglia alla Panicucci ante litteram…vabbè…;P

ok, credo di non essere caduto troppo nel pecoreccio…e nemmeno ho rincorso troppi culi o tette…
Nick…mi raccomando…dimmi che anche tu avresti fatto parte dei Bee Hive…
sorridete sempre
D.



B come…Bee Hive

Eh sì…qui mi si chiede di aprire non solo un cassetto, ma un intero armadio della memoria di noi ragazzi degli anni 80… chi non ricorda un gruppo (finto) rock con il cantante “con una macchia di sugo sui capelli”, come dicevo io anni fa, ignorando la moda punk…
I Bee Hive!!!

Qui nella versione che mi è stata richiesta, con la “formazione originale”, come nel cartone animato giapponese…e quindi con Steve-Marco Bellavia con occhiali scuri d’ordinanza…

Però uno dei pezzi migliori a mio parere e puro gusto personale era questo…la serie era giunta ormai al terzo capitolo post cartone animato, e gli attori erano cambiati quasi tutti, a parte Mirko, il cantante e protagonista, e Satomi, il tastierista…
Questo si intitola “Scende la sera”…la so ancora perfettamente a memoria…^_^

Oppure questa…”Solo sono io”…

Anche se la migliore di tutte, come ho già avuto modo di scrivere in altri post è senza dubbio questa. Tra l’altro qui torna Marco Bellavia…
“Mio dolce amore”

Salutandovi dopo questo delirio (ve l’avevo detto però, non è un cassetto, ma un armadio intero…) mi piace ricordare che esiste un gruppo, BeeHive Reunion, dove gli attori che interpretarono il telefilm suonano e cantano davvero!!! Nabiki, ci organizziamo e andiamo a vederli??? ^_^
Ah, vi aggiungo questa chicca…per farvi capire quanto siano rimasti nell’immaginario collettivo dei ragazzi degli anni 80, tempo fa su Internet girava questo video dove li si prendeva bellamente in giro sulle note di una canzone del cartone animato…

Sorridete sempre!
D.